La calcolosi delle vie urinarie è una patologia molto diffusa, endemica del bacino del Mediterraneo, e si stima che in Italia ci sia un’incidenza di circa 100.000 nuovi casi all’anno. Approfondisce la questione il Dott. Alberto Saita, Urologo presso l’Unità Operativa di Urologia dell’Istituto Clinico Humanitas.

La patologia litiasica, quella che noi chiamiamo calcolosi delle vie urinarie, è una patologia molto diffusa, endemica nelle zone del bacino del Mediterraneo, e in Italia si stima che ci sia una percentuale dal 6 al 9%, con un’incidenza di circa 100.000 nuovi casi all’anno.
È una patologia di grande impatto sociale, si stima infatti che circa un terzo degli accessi al pronto soccorso sono dati da questo tipo di manifestazione dolorosa, e da qui un’incidenza elevata anche a livello economico-sanitario. Perché le nostre zone sono endemiche? Principalmente per le temperature: sappiamo che da noi sono molto elevate soprattutto nei periodi estivi, e nello stesso tempo abbiamo una concomitanza con quello che è l’habitus alimentare, che in alcune zone è ricco principalmente di proteine della carne, che hanno un ruolo sicuramente importante nello sviluppo della patologia litiasica.
 

Per approfondimenti in tema di prevenzione e stili di vita si veda anche il giornale on line Humanitas Salute.
Leggi il CV del Dott. Alberto Saita


Ultimo aggiornamento: 19/10/2016