Il Dott. Claudio Cricelli, Presidente SIMG, illustra i vantaggi del cerotto medicato transdermico nel trattamento del dolore acuto localizzato, in particolare praticità, sicurezza ed efficacia. L’esperto spiega che si tratta della prima scelta terapeutica nei casi di dolore acuto localizzato, soprattutto perché è possibile applicarli direttamente sull’area colpita, dove rilasciano il principio attivo per un periodo di tempo prolungato.
Non dover ricorrere a farmaci da assumere per via orale, quindi limitando eventuali effetti collaterali, garantisce inoltre una maggiore “serenità” del paziente e una conseguente migliore aderenza al trattamento.

I cerotti sono uno degli strumenti che vengono impiegati come prima scelta terapeutica nel trattamento del dolore acuto locale. E hanno dei vantaggi: si individua l’area che duole e su quell’area si porta il farmaco, e questo non è un vantaggio da poco.
Perché i cerotti? Perché sono comodi da applicare, perché non vengono ingeriti – molte persone non amano ingerire farmaci, soprattutto farmaci antidolorifici e antiinfiammatori per paura degli effetti collaterali, che sono molto minori con l’applicazione del cerotto. E ancora perché il cerotto ha la caratteristica di rilasciare il principio attivo, la sostanza contenuto, per un periodo di tempo prolungato. Quindi è indicato nel trattamento in continuo – 12 ore spesso il tempo necessario per rilasciare la sostanza.