I FANS (farmaci anti-infiammatori non steroidei) possono interagire con altri farmaci e causare effetti indesiderati. In particolare, i FANS non sono indicati in combinazione con:

  • farmaci che fluidificano il sangue (come warfarin, clopidogrel, cardioaspirina), in quanto aumentano il rischio di sanguinamento;
  • ACE-inibitori (usati per il trattamento di problemi cardiaci e pressione alta) e diuretici (farmaci usati per rimuovere i liquidi in eccesso e per il trattamento della pressione alta), poiché possono causare insufficienza renale;
  • alcuni farmaci usati per il trattamento dell’insufficienza cardiaca e della pressione alta poiché possono ridurne o contrastarne l’efficacia (come gli ACE-inibitori, beta-bloccanti e diuretici);
  • altri tipi di FANS (compresa l’aspirina a basso dosaggio) o con farmaci corticosteroidei (antinfiammatori derivati del cortisolo-per esempio il cortisone), poiché aumentano il rischio di disturbi a carico dell’apparato digerente (nausea, vomito, fino allo sviluppo di ulcere e sanguinamento).
È opportuno evitare l’assunzione di alcol durante l’utilizzo dei FANS in quanto si ha maggior rischio di sviluppare danni gastrointestinali, sanguinamento e disturbi al fegato.

Al fine di evitare effetti collaterali dei FANS o sovradosaggio accidentale è fondamentale contattare il proprio medico, prima di acquistare e assumere farmaci antinfiammatori, se si prendono già altri farmaci (come litio, methotrexate, ciclosporina, diuretici, fenitoina, SSRI) in modo da poter individuare il principio attivo più indicato alla propria situazione.

Si consiglia di contattare il proprio medico se, assumendo FANS, si verificano:
  • Caviglie gonfie
  • Difficoltà di respirazione
  • Feci nere
  • Nausea o vomito color caffè.
Il cibo non interferisce con l’assunzione dei FANS, ed è consigliato assumere tali farmaci dopo mangiato, per ridurre al minimo l’effetto lesivo sulla parete dello stomaco.